LE MEDAGLIE VENETE AI MONDIALI DI #ARATE RICEVUTE IN REGIONE. ASSESSORE CORAZZARI, “OLTRE L’AFFERMAZIONE, CONFERMANO L’IMPORTANZA DI SOSTENERE CHI DIFFONDE LO SPORT”

 

Venezia, 9 lug – “Da Bratislava ci giunge ancora una conferma dell’importanza di sostenere e aiutare chi fa volontariato nello sport e si impegna nelle nostre comunità per la diffusione di tante discipline sportive che formano la persona ma sono anche un vero contributo alla crescita della comunità”.
Con queste parole l’assessore allo Sport della Regione del Veneto Cristiano Corazzari ha ricevuto oggi a Palazzo Balbi gli atleti veneti che sono saliti sul podio ai Campionati Mondiali di Karate, organizzati dalla WUKF a Bratislava dal 19 al 23 giugno scorsi e a cui hanno partecipato oltre 2300 atleti provenienti da 47 paesi. Un riconoscimento da parte della Giunta Regionale è stato consegnato a: Agnese Saretto di 14 anni, medaglia d’oro nella categoria cadetti (fino a 50 chilogrammi di peso) nella specialità Kumite; Claudia Stevanin di 27 anni, medaglia d’argento nella categoria Kumite femminile (fino a 65 chilogrammi di peso); Mirko Stevanin di 39 anni, medaglia d’argento nella categoria Kumite maschile open (tutti i pesi); Marco Fracasso di 16 anni, medaglia di bronzo nella categoria Kumite a squadre.
“Oggi ci congratuliamo con gli atleti e le società per un impegno sul territorio che ci dà più di un motivo di orgoglio nel vedere che questi ragazzi si sono affermati a livello mondiale – ha proseguito l’Assessore – ma esprimiamo anche un grazie come amministratori perché il loro lavoro è un contributo concreto alla crescita di una società più solidale quindi più forte. Da questo lavoro, infatti, si affermano quei principi sani che sono il fondamento stesso dello stare assieme”.
Tra gli altri, gli atleti erano accompagnati da l’assessore allo sport di Badia Polesine Stefano Baldo, dal maestro Bruno Tessari della scuola di Karate “Fujivama Dojo”, e da una rappresentanza di giovanissimi atleti, reduci nelle rispettive categorie dagli stessi campionati mondiali.